L’acqua è un alimento importante!

Quando si parla di dieta ci si concentra su una grande varietà di alimenti che apportano energia ma si tende a trascurare il ruolo dell’acqua. In realtà, questo liquido insapore, attraverso lunghi percorsi nel sottosuolo si purifica e al tempo stesso, si arricchisce di numerose sostanze divenendo esso stesso “alimento” indispensabile per la vita. Questo “lungo viaggio” è il motivo dell’esistenza di

tanti tipi di acqua con caratteristiche organolettiche e chimiche differenti. Le sostanze che possono essere veicolate dall’acqua sono così tante da far sì che esistano anche acque con azione curativa per specifiche patologie ed acque non potabili o pericolose.
L’acqua è parte integrante di una sana alimentazione non solo come elemento indispensabile al funzionamento dell’organismo, ma anche in quanto può contribuire al fabbisogno di molti sali minerali che in essa si trovano disciolti.
Circa il 50 -75% del peso corporeo è costituito da acqua e questa percentuale varia in base all’età (nei cuccioli è più alta, circa 70-80%, e decresce poi con l’invecchiamento), al sesso, alla quantità di grasso corporeo, ecc.
Anche gli ormoni influenzano lo stato di idratazione di ciascun individuo: per esempio, alterazioni delle ghiandole surrenali e della ghiandola tiroidea possono determinare una maggiore ritenzione di liquidi nei tessuti.
I due terzi dell’acqua presente nell’organismo si trova nel comparto intracellulare dove funge da solvente di numerose sostanze nutritive e scorie, agisce da attivatore delle reazioni biologiche all’interno delle cellule e fa parte dei componenti della struttura cellulare. Il rimanente terzo si trova nel comparto extracellulare: nei vasi sanguigni, dove discioglie e trasporta sostanze nutritive e ormoni in ogni parte del corpo, e nello spazio interstiziale dove queste sostanze diffondono prima di attraversare le membrane cellulari.
L’acqua è essenziale all’organismo anche per mantenere la temperatura corporea attraverso un costante meccanismo di evaporazione e funge anche da lubrificante. E’ infatti un costituente essenziale del liquido cerebro-spinale, del liquido oculare, del liquido sinoviale e delle secrezioni dell’apparato respiratorio, gastrointestinale e genito-urinario.
Il bisogno idrico individuale varia in funzione dell’età, della temperatura ambientale, dell’attività fisica, dello stato fisiologico (ad esempio allattamento) e del regime alimentare. Le diete secche (crocchette) hanno un minor contenuto di acqua che quindi deve essere assunta sotto forma di bevanda. Anche molte patologie possono determinare variazioni, anche di notevole entità, nel fabbisogno idrico (es. diabete o diarrea acuta).
Il bilancio tra entrate e uscite viene mantenuto in equilibrio grazie a una fine regolazione ormonale che induce adattamenti fisiologico-metabolici coinvolgenti vari distretti corporei: reni, cute e polmoni.
La sete, con la conseguente ricerca e assunzione di acqua, è la “sensazione” che al pari di altre (fame, freddo, stanchezza) permette, coi suoi segnali, di mantenere l’ambiente interno entro limiti oltre i quali si verificherebbe una alterazione degli equilibri corporei.
Per gli animali in buona salute, l’acqua deve essere sempre pulita, di buona qualità e la ciotola dell’acqua deve essere lasciata a disposizione.
Restrizioni idriche possono essere invece necessarie in animali con patologie particolari o sottoposti a terapie con diuretici.
Il ricorso ad acque oligominerali o con caratteristiche particolari viene riservato solo ai pazienti che ne evidenzino la necessità (es. acque povere di calcio in pazienti con Calcoli Urinari). In soggetti in fase di recupero da malattie debilitanti o con problemi renali può a volte essere necessaria la somministrazione “forzata” di acqua o la messa in atto di strategie volte ad aumentarne il consumo (es. acque aromatizzate – vedi aumentare assunzione di acqua).

Così come avviene per la dieta sarà il Vostro Medico Veterinario di fiducia a consigliarvi al meglio in caso di necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*